Ventilatore o Condizionatore?

Caldo Estate

Quando arriva l’estate e il caldo inizia a farsi sentire, ci ritroviamo sudati e ansimanti a pensare alle nostre vacanze in spiaggia. In attesa che arrivino però dobbiamo sopportare in casa o in ufficio la calura, cosa non facile se fuori il sole picchia forte da ore e i muri sono ormai roventi.

Come fare allora? Sostanzialmente ci sono due possibilità: ventilatore o condizionatore. Ma attenzione: questi elettrodomestici non sono equivalenti ma fanno due cose ben diverse, nonché hanno costi e consumi altrettanto diversi.

Ora ti spiegheremo in cosa si differenziano e quali sono le loro peculiarità così finalmente saprai quale usare nelle giornate più calde.

Vento vs Fresco

Ventilatore Vento

La principale differenza trai i due elettrodomestici può essere ben riassunta così: il ventilatore produce vento, il condizionatore raffresca.

Più precisamente il ventilatore muove solo l’aria e produce un senso di sollievo perché allontana l’aria calda in prossimità della nostra pelle facendoci percepire una certa frescura. Tecnicamente però la temperatura della stanza non cambia nemmeno di un grado.

Il condizionatore invece modifica proprio la temperatura pompando verso l’esterno il calore in eccesso e rimuove anche l’umidità nella stanza. Durante il funzionamento produce anche un certo vento più o meno forte (a seconda di come l’hai regolato) ma questo non è il suo scopo principale.

Quando Usare il Ventilatore?

Il ventilatore va benissimo se non soffri troppo il caldo e quindi una leggera brezza ti è sufficiente per provare un po’ di sollievo. Col ventilatore inoltre puoi tenere le finestre aperte e goderti in pieno l’aria estiva.

Dal punto di vista dei costi poi sei al massimo del risparmio: il prezzo di un ventilatore è solitamente contenuto e il suo impatto sulla bolletta elettrica è praticamente insignificante.

Infine non ci sono costi e tempi di montaggio: ti basta collegarlo alla spina della corrente e il ventilatore è già pronto.

Quando Usare il Condizionatore?

Condizionatore Fresco

Quando il caldo è veramente tosto e non ne puoi più allora il ventilatore non è sufficiente. In questo caso ci vuole proprio un condizionatore per abbassare la temperatura di qualche grado e deumidificare la stanza.

Il condizionatore ha un costo più consistente di un ventilatore sia per l’acquisto che per il consumo energetico.

Eventualmente, se non ti serve una grossa potenza e ti basta rinfrescare una sola stanza alla volta ti puoi accontentare di un condizionatore portatile. Se invece devi rinfrescare tutta l’abitazione o buona parte di essa allora hai proprio bisogno di un condizionatore da parete.

In questo caso i costi salgono e sono richiesti anche dei lavori di installazione ma il risultato finale in fatto di frescura e benessere è senza dubbio assicurato.

Ricorda che durante l’utilizzo di un condizionatore le finestre devono rimanere chiuse per non disperdere il fresco appena generato.

Lascia un commento