Cosa Sono Gli Oli Essenziali

Proprietà degli Oli Essenziali

Si sente spesso parlare delle proprietà benefiche degli estratti aromatici delle piante.

Ho però notato che raramente si approfondisce l’argomento andando a chiarire esattamente la natura e le caratteristiche degli oli essenziali.

Quindi ho pensato che fosse utile scrivere questo articolo, nel quale vorrei spiegare una volta per tutte cosa sono gli oli essenziali.

Vedremo da quali tipi di piante si estraggono, e quali sono i principali processi di estrazione.

Accenneremo poi all’utilizzo che personalmente preferisco fare degli oli eterici, ovvero la profumazione della casa tramite un diffusore di aromi.

Iniziamo però col capire cosa sono gli oli essenziali e quali sono le loro proprietà principali.

Caratteristiche degli Oli Essenziali

Gli oli essenziali sono prodotti assolutamente naturali, infatti si ottengono a partire dalle piante officinali.

Questo tipo di piante hanno la caratteristica di essere ricche di essenze aromatiche, e la quantità di essenza contenuta in una specifica pianta dipende sia dalla specie della pianta, che dal clima e dal terreno in cui la pianta stessa cresce.

A volte da parti differenti della stessa pianta si possono ottenere oli diversi. Per esempio è possibile ottenere oli essenziali sia dal fiore che dalla scorza dell’arancio.

Alcune tra le caratteristiche principali degli oli essenziali sono:

  • l’odore aromatico intenso che emanano, ovvero la fragranza odorosa caratteristica dell’essenza floreale.
  • la volatilità, ovvero la loro capacità evolversi nello stato aeriforme e quindi di disperdersi nell’ambiente circostante.
  • sono leggermente idrofili, quindi sono in grado di trasmettere il proprio aroma all’acqua alla quale vengono aggiunti.
  • il fatto di non essere solubili in acqua (ma solo in alcol o olio): in acqua quindi galleggiano (poiché di solito la densità dell’olio essenziale è minore di quella dell’acqua) e sono trasportabili dal vapore acqueo.

Oli Essenziali: Da Quali Piante Si Estraggono?

Esistono molte essenze aromatiche, ottenute da molti tipi di piante diverse.

In realtà gli oli essenziali si ottengono da diverse parti della pianta. Ovviamente dai fiori, ma anche dalle foglie, dalle radici, e in alcuni casi dalla corteccia, dal legno e dai semi.

Vediamo alcuni esempi di fragranze di oli essenziali:

Cosa Sono Gli Oli Essenziali
  • zenzero
  • lavanda
  • rosa
  • iris (in particolare dalla radice)
  • limone (dalla scorza)
  • arancio (sia dal fiore che dalla scorza)
  • pino
  • bergamotto
  • vaniglia
  • rosmarino
  • pepe
  • sandalo
  • anice
  • ginepro
  • basilico (dalle foglie)
  • camomilla (dal fiore)
  • eucalipto
  • magnolia
  • gelsomino (dal fiore)
  • violetta (sempre dal fiore)
  • timo

Come Si Ottengono

Gli oli essenziali, come abbiamo già visto, sono estratti liquidi oleosi ricavati dalle piante officinali.

Queste essenze aromatiche si ottengono attraverso un processo di estrazione delle parti più nobili della pianta. Tale processo di estrazione può avvenire con varie tecniche tra cui:

  • distillazione in corrente di vapore: si utilizza vapore acqueo che, passando attraverso la pianta, ne porta con sé le essenze. Il vapore acqueo poi si condensa, e si ottiene in definitiva acqua mista ad essenze organiche. Le essenze vengono poi separate per ottenere il prodotto finale.
  • spremitura a freddo: utilizzata in particolare per tipi di piante che non possono essere esposte al calore.

Aromaterapia e Profumazione della Casa

Oli Eterici

Uno degli utilizzi principali degli oli essenziali è in aromaterapia.

Se vuoi approfondire l’argomento nello specifico, ti rimando a questo ottimo articolo sui vari aspetti dell’aromaterapia.

Uno degli aspetti che mi interessano di più è l’utilizzo degli oli essenziali per profumare casa.

Per profumare l’ambiente attorno a noi si utilizzano appositi dispositivi detti diffusori di aromi.

Esistono diversi tipi di diffusori, alcuni di essi si basano per esempio sul calore. I diffusori a candelina infatti sfruttano il calore della fiamma di una candela per scaldare l’acqua in cui sono state aggiunte alcune gocce di aroma.

In realtà io ti consiglio l’utilizzo di diffusori ad ultrasuoni, poiché sono più pratici e sono in grado di vaporizzare gli oli essenziali a freddo, senza l’utilizzo di calore.

Per una trattazione approfondita dei vaporizzatori di essenze ad ultrasuoni, ti rimando al nostro articolo sui diffusori di aromi.

Lascia un commento